Assi – Il blog sul soccorso stradale

8 febbraio 2010

Carro attrezzi dal mondo

Archiviato in: News — admin @ 22:31

Chi l’ha detto che un carro attrezzi deve essere per forza come quelli che conosciamo in Italia? Guardate queste immagini che arrivano da paesi arabi e asiatici!

9 commenti »

  1. l’arte di arrangiarsi

    Commento di CRICCHETTO — 4 marzo 2010 @ 19:30

  2. e la sicurezza?

    Commento di franci — 15 aprile 2010 @ 19:21

  3. che genere di soccorsi o trasporti sono?

    Commento di CRICCHETTO — 4 maggio 2011 @ 18:41

  4. forse la polizia gli puo contestare l’uso diverso!

    Commento di angelo — 8 agosto 2011 @ 18:20

  5. carri soccorso con in forca auto che sfrecciano in corsia di emmergenza con i soliti “automobilisti”che inseguono,ma sanno cosa rischiano?

    Commento di CRICCHETTO — 20 agosto 2011 @ 11:02

  6. SABATO 12-05-2012 A BRESCIA IN VIA ORZINUOVI 28 CONVEGNO REGIONALE DEL SOCCORSO STRADALE CON INIZIO ALLE ORE 14,30 ,”NON MANCARE “

    Commento di CRICCHETTO — 9 maggio 2012 @ 11:25

  7. Appendice IV – Art. 12 (Caratteristiche costruttive e funzionali degli autoveicoli ad uso speciale per il soccorso stradale)
    Appendice IV

    Regolamento di esecuzione e di attuazione del nuovo codice della strada – Decreto del Presidente della Repubblica 16 dicembre 1992, n. 495 (in Suppl. ord. alla Gazz. Uff., 28 dicembre 1992, n. 303), con le modifiche di cui al d.P.R. 16 settembre 1996, n. 610.

    APPENDICE AL TITOLO I
    APPENDICE IV
    ART. 12
    (CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE E FUNZIONALI DEGLI AUTOVEICOLI AD USO SPECIALE PER IL SOCCORSO STRADALE)

    1. Gli autoveicoli ad uso speciale per il soccorso stradale possono essere muniti di gru, anche di tipo telescopico od a scomparsa tra le pedane, di verricello o di altro dispositivo per il soccorso stradale e sono dotati delle attrezzature necessarie per la loro funzionalità. Possono essere realizzati con o senza piano di carico, fisso o inclinabile e parzialmente scarrabile, per il trasporto di veicoli di limitate dimensioni, e comunque tali da non determinare mai, in condizioni di marcia, il superamento di alcuno dei limiti prescritti dagli articoli 61 e 62 del codice.

    2. La gru installata sull’autoveicolo di soccorso, se presente, può consentire, oltre al posizionamento di un veicolo sull’eventuale piano di carico, il traino dello stesso con un asse sollevato, mantenuto in tale posizione tramite idonei triangoli distanziatori, bracci retrattili a forca oppure mediante carrelli monoassi, costituenti attrezzatura ausiliaria dell’autoveicolo di soccorso.

    3. È ammessa l’installazione sugli autoveicoli di soccorso di un gancio di traino di tipo approvato, sia per il recupero di rimorchi, sia per il traino di autoveicoli e sia per il traino di rimorchi attrezzati per il trasporto esclusivo di veicoli soccorsi o rimossi e caricati con i mezzi dell’autoveicolo di soccorso. Tali rimorchi, in quanto destinati esclusivamente a servire l’autoveicolo di soccorso, sono considerati, ai sensi dell’articolo 204, rimorchi ad uso speciale.

    4. Gli autoveicoli di soccorso sono soggetti a tutte le norme costruttive valide per i veicoli della stessa massa complessiva della categoria N, definita dall’articolo 47, comma 2, lettera c), del codice, salvo per quanto riguarda le seguenti prescrizioni:

    a) lo sbalzo anteriore non deve eccedere il 65% del passo a condizione che non modifichi la visibilità originaria dell’autotelaio; lo sbalzo posteriore non deve eccedere l’85% del passo. Il veicolo deve iscriversi nella fascia d’ingombro di cui all’articolo 217;
    b) gli sbalzi, sia anteriore che posteriore, devono essere segnalati, nel senso longitudinale e trasversale del veicolo, per la parte eccedente in pianta la sagoma dell’autotelaio, con sistemi retroriflettenti a strisce larghe 10 cm e inclinate di 45°, alternate, di colore bianco e rosso. Per la parte estrema dello sbalzo, in senso longitudinale, costituita da attrezzi mobili di lavoro quali carrucole e simili, le segnalazioni riflettenti possono essere effettuate con pannelli delle dimensioni minime di 50×50 cm, segnalati come sopra disposto;
    c) se la parte a sbalzo anteriore, misurata dal centro del volante di guida, eccede i 2,5 m, la circolazione su strada è subordinata alla scorta del personale dell’impresa che dovrà prendere posto in cabina e coadiuvare il conducente, anche scendendo a terra e precedendo il veicolo, nell’attraversamento di incroci o nell’immissione nella carreggiata;
    d) la parte a sbalzo costituita da allestimenti a sezione trasversale ridotta di oltre il 50% rispetto alla sagoma trasversale del veicolo, deve presentare la superficie inferiore ad altezza non inferiore a 1,80 m da terra ed essere segnalata, qualunque sia il valore dello sbalzo, come stabilito alla precedente lettera b);
    e) il dispositivo antincastro non è obbligatorio se alla sua funzione supplisce la presenza eventuale di una trave portastabilizzatori od altro dispositivo analogo purché presenti la faccia posteriore a superficie piana, risponda al dimensionamento prescritto dalla normativa specifica in vigore e ad esso non risulti agganciato a sporgere alcun organo dell’attrezzatura dell’allestimento;
    f) il traino del veicolo rimosso o soccorso, è ammesso con rapporto di traino non superiore a 0,5 ed a condizione: che il traino avvenga secondo quanto previsto al comma 2 o con barra rigida, segnalata a strisce alternate di colore bianco e rosso retroriflettenti; che siano rispettate le masse massime per asse ed il rapporto minimo fra le masse sull’asse o sugli assi di guida e quello o quelli posteriori. La barra rigida deve costituire dispositivo di allestimento del veicolo, essere marcata dal costruttore dell’autoveicolo e segnalata come le parti a sbalzo della precedente lettera b);
    g) gli eventuali sbalzi anteriori non devono determinare condizioni di visibilità dal posto di guida che si discostino da quelle dei corrispondenti veicoli della categoria N; la visibilità attraverso gli specchi retrovisori deve rispondere alla normativa contenuta nella direttiva n. 71/127/CEE;
    h) tutte le parti a sbalzo degli allestimenti che possono ruotare in un qualsiasi piano, devono essere assicurate nella posizione assunta per la marcia del veicolo con sicuri ed affidabili dispositivi meccanici o idraulici. I comandi idraulici del sistema o dei sistemi di lavoro dei vari attrezzi non devono poter essere azionati involontariamente dal conducente durante la marcia su strada;
    i) il sistema di lavoro deve inoltre essere bloccato, con valvole sul circuito idraulico o con vincoli meccanici, nella posizione individuata per la marcia su strada in sede di visita e prova.

    Commento di Maurizio — 4 gennaio 2014 @ 09:47

  8. Thanks for finally talking about > Carro attrezzi dal
    mondo

    Commento di Venetta — 4 novembre 2015 @ 13:15

  9. Veramente particolare!

    Commento di luca sos — 23 agosto 2016 @ 13:12

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URL

Lascia un commento

Funziona con WordPress